Ho conosciuto il mio dolore

Gli uomini hanno generalmente paura del dolore, sia quello fisico che quello dell’anima. Lo evitano, ci stanno ben distanti e se lo riconoscono ci passano attorno, senza affrontarlo.

Ho cercato su google immagini che rappresentano un uomo addolorato: come trovare un ago in un pagliaio… mi sembra significativo.

L’immagine che i maschi intendono proiettare di sé è inesorabilmente quella di un vincente, di quello “che non deve chiedere mai”, di chi sa il fatto suo, ed è sicuro.

La realtà è davvero diversa, molte persone sono a disagio e fragili. Gli uomini lo sono.

È vero, la vita è difficile, ma se ci guardiamo indietro negli anni, in realtà non è mai stata facile come in questi decenni, eppure a molti sembra che oggi sia il giorno più difficile, e che domani lo sarà ancora di più.

Quando sei cresciuto non ci sono più madri a consolare ed accogliere, né (giustamente) compagne che siano in grado di proteggere e di sostenere le tue angosce, il dolore, il profondo disagio.

Sei solo. Questo è il punto, con le tue (magari poche) forze, con le cicatrici dell’anima che ti porti dentro, per essere stato magari un bambino poco amato, o poco valorizzato, per quelle volte che ti hanno picchiato e maltrattato, per tutte quelle volte che non ti hanno capito, o incoraggiato.

Questo siamo, e fanculo l’immagine e gli stereotipi che Men’s healt, For Man, Fox Uomo, oltre ai superdotati di youporn ci propinano. Possiamo (dovremmo) permetterci di ascoltare il senso di nullità, il vuoto esistenziale, il dolore che a volte ci attanaglia ed immobilizza, perché la resurrezione passa sempre attraverso il Golgota, ed un seme diventa pianta solo se muore.

Qualcosa deve morire, dentro noi, deve abbandonarci per fare posto a nuove consapevolezze, possiamo smettere di ricercare abbracci che decidiamo di far rimanere nella nostra memoria e patire il freddo di una notte buia e paurosa nella certezza (speranza?) di una nuova alba.

Mauro Cason

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...